2

Storie vere di Fate


In questa sezione voglio raccontarvi delle storie che ho letto su vari libri, storie che a quando si dice siano realmente accadute. Un contadino acquistò nei pressi di Mallow una fattoria situata proprio sopra ad una collina nei pressi di un forte. Presto inizio' a fare delle migliorie costruendo una casa di pietra ed un forno da calce. Trascorse poco tempo che il contadino si reco' dal proprietario della terra elencandogli tutta una serie di danni subiti e da lui attribuiti al piccolo popolo che non approvava la costruzione del forno così vicino alla loro dimora. Il contadino infatti aveva perso la scrofa con nove maialini da latte,il cavallo era caduto nel fossato ed era rimasto ucciso, e tre delle sue pecore erano morte per circostanze misteriose.

 

 

 

 

 


Nonostante il forno le fosse costato tanto, il contadino decise di non cuocerci più un altro mattone anzi di abbatterlo e di costruirne un altro lontano dal forte ammettendo di aver invaso il territorio delle Fate, per di più visto che la porta posteriore della casa dava sul forte decise di murarla lasciando solo un piccolo passaggio per permettere alle fate di passare se necessario.

Nessuno osa in Irlanda costruire o invadere la dimora delle fate, è considerato cattivo augurio e si teme possa comportare qualche sciagura!!!

Gli irlandesi li chiamano "i sentieri delle fate" sono le cosidette linee di forza che corrono tra le colline, secondo la tradizione, queste linee appartenevano alle fate. Nel 1935, l'irlandese Michael O'Hagan, ostruì, ingrandendosi casa, un sentiero delle fate, da quel momento misteriose disavventure invasero la sua vita e quella della sua famiglia, compreso vari malanni. L'uomo allora decise di tagliare un'angolo della sua abitazione che ostruiva il sentiero delle fate, da quel momento, tutte le misterioe disavventure cessarono.
Si dice che le fate ci segnalano la loro presenza con dei loro simboli, uno in particolare è la pianta di biancospino in particolare quando si tratta di un albero solitario che cresce in uno spazio aperto e segna il confine tra vicini, nei pressi di un pozzo sacro,o di un cerchio delle fate.
La saggezza popolare ci informa che è pura follia tagliare o danneggiare un biancospino:
Alcuni anni fa, fa nella contea di Antrim, nell'Irlanda del nord durante la costruzione di un'immensa fabbrica, un biancospino non venne nemmeno sfiorato dagli operai. I "ragazzi" del posto abbatterono tutto il resto ma non lo toccarono ne lo disturbarono in nessun modo. La compagnia alla fine lo fece togliere da un inglese. L'uomo abbatte l'albero e strappò le radici con un bulldozer: La fase successiva era quella di interrare dei pilastri di cemento larghi 30 centimetri e alti 3 metri: per mettere le fondamenta. Li piantarono ma quando tornarono la mattina dopo erano tutti spostati di un metro! Così li dovettero sistemare di nuovo. Il mattino dopo i pilastri erano spostati sempre di un metro ma nella direzione opposta rispetto alla prima volta! Così fecero una riunione per scoprire di chi fosse la colpa. Ad un tratto un'uomo basso entrò nell'ufficio dove c'era l'assemblea e disse: "L'unico modo in cui potrete costruire la vostra fabbrica è rimettendo il nostro albero dove si trovava".
E gli altri ribatterono: "Come facciamo dato che lo abbiamo tagliato?" L'uomo rispose: "Fatelo innestare". Nessuno gli credette all'inizio, naturalmente. Allora chiamarono uno specialista di alberi olandese. Questi innestò le radici sull'albero. Adesso c'è un cortile in mezzo alla fabbrica con al centro un albero di biancospino. Nessuno ha più visto l'uomo delle fate ma il biancospino cresce rigoglioso.

Sembra incredibile eppure queste storie ci permettono di credere che qualcosa di "piccolo" ed invisibile sia presente intorno a noi!

Forse... il regno delle fate rimarrà sempre sul punto di scomparire ma non scomparirà mai."

Copyright © 2003 - La Quarta Dimensione

Le terre irlandesi

 

 

 

I luoghi misteriosi Celtici

Stonehenge

Carnac

 

Le leggende misteriose

Le fate

>Storie vere di fate<

Il mito delle Banshee

 

Copyright © 2003 - La Quarta Dimensione